{"video":[{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":0,"end":1531.773968},"spot":null,"idx":0,"id":"vd-0","videoId":0}],"contents":[{"id":"wk-0","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":71.4,"end":101.4},"art":"Struzzo","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Lo <b>struzzo</b> (<i>Struthio camelus</i>, Linnaeus 1758) è una specie di uccello dell'ordine degli Struthioniformes. Risulta essere il più grande tra i pennuti viventi, ed è incapace di volare.</p>\n<p>È distribuito naturalmente in Africa in particolare nell'area sub-sahariana, Sahel, Corno d'Africa, Somalia, Kenya, Tanzania ed Africa meridionale, ed è stato introdotto in Australia dall'uomo.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.188 seconds\nReal time usage: 0.235 seconds\nPreprocessor visited node count: 460/1000000\nPreprocessor generated node count: 6051/1500000\nPost‐expand include size: 6776/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1245/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Struthio camelus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Struthio camelus"},{"id":"wk-1","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":139.9,"end":169.9},"art":"Masai","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/87/Masai01.jpg/260px-Masai01.jpg\"></div><br><div>\n\n\n<p>I <b>Masai</b> (o <b>Maasai</b>) sono un popolo nilotico che vive sugli altopiani intorno al confine fra Kenya e Tanzania. Considerati spesso nomadi o semi-nomadi, sono in realtà tradizionalmente allevatori transumanti, e oggi spesso addirittura stanziali (soprattutto in Kenya). La transizione a uno stile di vita stanziale si accompagna a quella dall'allevamento all'agricoltura come fonte primaria di sostentamento; questa trasformazione è evidente nei clan masai kenioti come Kaputiei, Matapato e Kikunyuki, e in Tanzania presso gli Arusha.</p>\n\n<p>I masai parlano il \"maa\", da cui il nome dell’etnia che è da loro pronunciato <i>maasai</i>. La lingua appartiene al gruppo delle lingue nilo-sahariane ed è dello stesso ramo delle lingue di popoli nilotici quali i pokot, i dinka ed i nuer. I masai sono il popolo nilotico che, in Africa, vive più a meridione.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.256 seconds\nReal time usage: 0.300 seconds\nPreprocessor visited node count: 434/1000000\nPreprocessor generated node count: 3418/1500000\nPost‐expand include size: 4189/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1232/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 9/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.004s\nLua memory usage: 467 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Masai\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Masai"},{"id":"wk-2","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":594.3,"end":624.3},"art":"Zimbabwe","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/6a/Flag_of_Zimbabwe.svg/125px-Flag_of_Zimbabwe.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Lo <b>Zimbabwe</b>, ufficialmente <b>Repubblica dello Zimbabwe</b>, è uno Stato dell'Africa orientale, situato tra il fiume Zambesi e il fiume Limpopo; non ha sbocchi sul mare e confina a nord con lo Zambia, a est col Mozambico, a sud con il Sudafrica e a ovest con il Botswana. In passato era noto come Rhodesia Meridionale o più semplicemente Rhodesia.</p>\n<p>La sua popolazione è di 12.576.742 abitanti (2003), e ha una superficie di 390.757 chilometri quadrati; la capitale è Harare, nota fino al 1980 col nome di Salisbury. La lingua ufficiale è l'inglese, ma la grande maggioranza della popolazione parla correntemente lingue bantu, soprattutto shona e ndebele.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.180 seconds\nReal time usage: 0.218 seconds\nPreprocessor visited node count: 380/1000000\nPreprocessor generated node count: 2274/1500000\nPost‐expand include size: 6558/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1817/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 4/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Zimbabwe\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Zimbabwe"},{"id":"wk-3","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":634.8,"end":664.8},"art":"Giraffa camelopardalis","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>La <b>giraffa</b> (<b>Giraffa camelopardalis</b>, Linnaeus 1758) è un grande mammifero africano artiodattilo, il più alto tra tutte le specie di animali terrestri viventi; può superare i 5 metri di altezza e la tonnellata di peso. La più alta giraffa che si conosca misurava 5,87&nbsp;m di altezza e pesava circa 2.000 kg. Le femmine sono leggermente più piccole e meno pesanti dei maschi.</p>\n<p>Ha la caratteristica di avere arti e collo eccezionalmente lunghi (il lungo collo misura fino a 3&nbsp;m), oltre alla lingua blu (fino a 60&nbsp;cm) e alle piccole corna ricoperte di pelle (ossiconi). Caratteristico è anche il colore del mantello, pezzato più o meno finemente (a seconda delle sottospecie) di bruno su fondo beige. La giraffa appartiene alla famiglia dei Giraffidi, che comprende solo un'altra specie vivente, l'okapi (<i>Okapia johnstoni</i>). In swahili si chiama <i>twiga</i>.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.228 seconds\nReal time usage: 0.270 seconds\nPreprocessor visited node count: 577/1000000\nPreprocessor generated node count: 6816/1500000\nPost‐expand include size: 7018/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1235/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Giraffa camelopardalis\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Giraffa camelopardalis"},{"id":"wk-4","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":674.4,"end":704.4},"art":"Gnu","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n\n<p><i><b>Connochaetes</b></i> è un genere di mammiferi ungulati della famiglia dei Bovidae, che include due specie, entrambe diffuse in Africa: lo gnu dalla coda bianca (<i>Connochaetes gnou</i>) e lo gnu striato (<i>C. taurinus</i>).<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.768 seconds\nReal time usage: 0.828 seconds\nPreprocessor visited node count: 4357/1000000\nPreprocessor generated node count: 17721/1500000\nPost‐expand include size: 9183/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1991/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 2/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Connochaetes\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Connochaetes"},{"id":"wk-5","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":808.7,"end":838.7},"art":"Iena","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n\n<p>Le <b>iene</b> sono mammiferi dell'ordine dei carnivori di media grandezza inclusi nella famiglia <b>Hyaenidae</b>.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.324 seconds\nReal time usage: 0.375 seconds\nPreprocessor visited node count: 542/1000000\nPreprocessor generated node count: 6524/1500000\nPost‐expand include size: 6729/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1327/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Hyaenidae\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Hyaenidae"},{"id":"wk-6","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":848.7,"end":878.7},"art":"Zebra","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n\n<p>Le <b>zebre</b> sono dei Mammiferi Perissodattili appartenenti, come il cavallo, alla famiglia degli Equidi. Distribuite nelle regioni orientali e meridionali dell'Africa, le zebre si distinguono marcatamente dagli altri membri della famiglia per le striature verticali, nere o brune-rossastre, alternate a bande chiare, bianche o giallastre, sui quarti anteriori, che spesso tendono all'orizzontale sui quarti posteriori dell'animale. Molti zoologi ritengono che le strisce fungano da meccanismo di mimetizzazione, anche se alcuni credono che giochino un ruolo nelle loro interazioni sociali, agendo come mezzo di distinzione di un individuo in mezzo agli altri, a causa di lievi variazioni nelle strisce. La durata della vita non supera in media i 28 anni.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.316 seconds\nReal time usage: 0.357 seconds\nPreprocessor visited node count: 460/1000000\nPreprocessor generated node count: 6352/1500000\nPost‐expand include size: 4376/2048000 bytes\nTemplate argument size: 751/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.004s\nLua memory usage: 467 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Zebra\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Zebra"},{"id":"wk-7","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":940,"end":970},"art":"Nanger granti","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>La <b>gazzella di Grant</b> (<i><b>Nanger granti</b></i> <span style=\"font-variant: small-caps\">Brooke, 1872</span>) è una specie di gazzella diffusa dalle regioni settentrionali della Tanzania fino a quelle meridionali di Sudan ed Etiopia, e dalle coste del Kenya al Lago Vittoria. In swahili è nota come <i>Swala Granti</i>.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.260 seconds\nReal time usage: 0.304 seconds\nPreprocessor visited node count: 505/1000000\nPreprocessor generated node count: 6355/1500000\nPost‐expand include size: 6679/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1574/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Nanger granti\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Nanger granti"},{"id":"wk-8","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1020.8,"end":1050.8},"art":"Babbuino","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>I <b>Babbuini</b> (<i><b>Papio</b></i>), sono un genere di primati della famiglia Cercopithecidae, sottofamiglia Cercopithecinae.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.220 seconds\nReal time usage: 0.264 seconds\nPreprocessor visited node count: 417/1000000\nPreprocessor generated node count: 5801/1500000\nPost‐expand include size: 5697/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1186/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Papio\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Papio"},{"id":"wk-9","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1089.1,"end":1119.1},"art":"Sciacallo","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>Con il termine <b>sciacallo</b> si identificano impropriamente tre (secondo alcuni quattro) diverse specie di mammiferi appartenenti al genere dei <i>Canis</i>, e le relative sottospecie. Questa definizione non ha alcun valore scientifico e tassonomico, ma viene ugualmente utilizzata molto spesso per definire tali specie, che presentano delle notevoli somiglianze morfologiche tra loro.</p>\n<p>Tali specie sono:</p>\n\n<p>a queste si aggiunge <i>Canis simensis</i>, un'altra specie di canidi che vive sulle montagne dell'Etiopia, talvolta considerato anch'esso uno sciacallo.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.260 seconds\nReal time usage: 0.304 seconds\nPreprocessor visited node count: 479/1000000\nPreprocessor generated node count: 6534/1500000\nPost‐expand include size: 4182/2048000 bytes\nTemplate argument size: 698/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.004s\nLua memory usage: 467 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Sciacallo\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Sciacallo"},{"id":"wk-10","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1180.7,"end":1210.7},"art":"Savana","lang":"it","wiki":"<div>\n\n<p>La <b>savana</b> è un bioma terrestre soprattutto subtropicale e tropicale, caratterizzato da una vegetazione a prevalenza erbosa, con arbusti e alberi abbastanza distanziati da non dar luogo a una volta chiusa. Questo tipo di ambiente si trova in molte zone di transizione fra la foresta pluviale e il deserto o la steppa in Africa centrale, Sudamerica, India, Indocina e Australia, ma può essere presente anche ad altre latitudini. Le savane possono formarsi in seguito alla presenza di specifiche condizioni climatiche, oppure a causa di incendi stagionali (anche indotti dall'uomo) o particolari caratteristiche del suolo. Si trova nelle zone calde dell'Africa, dell'America centrale e meridionale e dell'Australia.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.084 seconds\nReal time usage: 0.110 seconds\nPreprocessor visited node count: 22/1000000\nPreprocessor generated node count: 146/1500000\nPost‐expand include size: 51/2048000 bytes\nTemplate argument size: 0/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 3/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Savana\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Savana"},{"id":"wk-11","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1326.9,"end":1356.9},"art":"avvoltoio","lang":"it","wiki":"<div>\n\n\n<p><b>Avvoltoio</b> è il nome comune con cui si indicano specie di uccelli dell'ordine degli Accipitriformi, appartenenti alle famiglie degli Accipitridae (avvoltoi del Vecchio Mondo) e dei Cathartidae (avvoltoi del Nuovo Mondo).</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.568 seconds\nReal time usage: 0.605 seconds\nPreprocessor visited node count: 5023/1000000\nPreprocessor generated node count: 11564/1500000\nPost‐expand include size: 2447/2048000 bytes\nTemplate argument size: 735/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 10/40\nExpensive parser function count: 2/500\nLua time usage: 0.003s\nLua memory usage: 467 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Avvoltoio\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Avvoltoio"},{"id":"wk-12","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1366.2,"end":1396.2},"art":"Milvus milvus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>Il <b>nibbio reale</b> (<i><b>Milvus milvus</b></i> - Linneo 1758) è un uccello rapace della famiglia degli accipitridi.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.264 seconds\nReal time usage: 0.306 seconds\nPreprocessor visited node count: 448/1000000\nPreprocessor generated node count: 5989/1500000\nPost‐expand include size: 6636/2048000 bytes\nTemplate argument size: 878/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Milvus milvus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Milvus milvus"},{"id":"wk-13","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":1440.4,"end":1470.4},"art":"Botswana","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/fa/Flag_of_Botswana.svg/125px-Flag_of_Botswana.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>Il <b>Botswana</b>, ufficialmente <b>Repubblica del Botswana</b> (pronuncia italiana <span title=\"Questa è una trascrizione IPA della pronuncia. Vedere l'alfabeto fonetico internazionale.\" class=\"IPA\">/bottsuˈaːna/</span>; <b>Republic of Botswana</b> in inglese, <b>Lefatshe la Botswana</b> in seTswana) è uno Stato dell'Africa del Sud. Confina con il Sudafrica a sud, la Namibia a ovest, lo Zambia a nord e lo Zimbabwe a nordest; non ha sbocchi sul mare. Lo stato è vasto 581&nbsp;730 km² ed è abitato da 1.640.115 abitanti con una densità di 2,7 ab/km². La lingua ufficiale è l'inglese, ma è molto diffuso il tswana, lingua del popolo omonimo, che ha lo <i>status</i> di lingua nazionale. Col nome di Bechuanaland fu protettorato britannico fino al 1966, anno in cui ottenne l'indipendenza. Dal nome inglese deriva anche la trascrizione in italiano <b>Beciuania</b> (da cui l'aggettivo <i>beciuano</i>).<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nCPU time usage: 0.224 seconds\nReal time usage: 0.277 seconds\nPreprocessor visited node count: 550/1000000\nPreprocessor generated node count: 3666/1500000\nPost‐expand include size: 9938/2048000 bytes\nTemplate argument size: 2822/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 11/40\nExpensive parser function count: 6/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Botswana\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Botswana"}]}
thumbnail
Sorry, due to copyright restrictions this video is only available for Italy

Palinsesto giornaliero

 
 
 

Le tue playlist

In questa area puoi vedere tutti i video che hai memorizzato e che ti sono piaciuti e puoi creare playlist personali.
Per accedere a questa area registrati.
Realizzato grazie al contributo del POR FESR Regione Lazio 2007-2013 – Asse I – Avviso Pubblico "Insieme x Vincere" – Prot. Domanda n.SVLAZ-SU-2012-1038 – Codice CUP n. F84E14000930007 e Avviso pubblico per la presentazione di progetti di innovazione delle micro e piccole imprese - Prot. FILAS-MI-2011-1343 del 3/8/2012 – CUP F87I1200233007
Sponsor