{"video":[],"contents":[{"id":"wk-0","pos":{"top":5,"left":95},"time":{"start":29,"end":40},"art":"Isola d'Ischia","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/0d/Ischia_da_procida.jpg/260px-Ischia_da_procida.jpg\"></div><br><div>\n\n<p><b>Ischia</b> è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Flegree, della Città metropolitana di Napoli.</p>\n<p>Posta all'estremità settentrionale del golfo di Napoli e a poca distanza dalle isole di Procida e Vivara, nel mar Tirreno, è la maggiore delle Flegree. Con i suoi 64.028 abitanti è la terza più popolosa isola italiana, dopo Sicilia e Sardegna. In antichità era nota col nome Pithekoussai o Pithecusae (in greco Πιθηκούσσαι).</p>\n<p>È una forte attrazione turistica per il golfo di Napoli e per la stessa città.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1283\nCached time: 20170221150742\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.136 seconds\nReal time usage: 0.184 seconds\nPreprocessor visited node count: 1830/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 32805/2097152 bytes\nTemplate argument size: 2599/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 15/40\nExpensive parser function count: 13/500\nLua time usage: 0.040/10.000 seconds\nLua memory usage: 1.8 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 154.210 1 -total\n 90.33% 139.299 1 Template:Infobox_isola\n 85.54% 131.917 1 Template:Infobox\n 14.14% 21.808 1 Template:Immagine_sinottico\n 11.83% 18.241 2 Template:Band_div\n 11.32% 17.450 1 Template:IT-CAM\n 10.50% 16.197 2 Template:Mappa_di_localizzazione\n 9.62% 14.832 1 Template:F\n 8.79% 13.562 1 Template:Coord\n 8.62% 13.300 1 Template:Avviso\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Isola d'Ischia\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Isola d'Ischia"},{"id":"wk-1","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":130,"end":141},"art":"Castello Aragonese (Ischia)","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/08/Ischia_castello_Aragonese.JPG/280px-Ischia_castello_Aragonese.JPG\"></div><br><div>\n<p>Il <b>Castello Aragonese</b> è una fortificazione che sorge su un'isola tidale di roccia trachitica posto sul versante orientale dell'isola d'Ischia, collegato per mezzo di un ponte in muratura lungo 220 m all'antico <i>Borgo di Celsa</i>, oggi conosciuto come Ischia Ponte. L'isolotto su cui è stato edificato il castello deriva da un'eruzione sinattica avvenuta oltre 300.000 anni fa. Raggiunge un'altezza di 113 metri sul livello del mare e ricopre una superficie di circa <span style=\"white-space:nowrap; display:inline-block\">56 000&nbsp;m²</span>. Geologicamente è una bolla di magma che si è andata consolidando nel corso di fenomeni eruttivi e viene definita \"cupola di ristagno\".</p>\n<p>Al castello si accede attraverso un traforo, scavato nella roccia e voluto verso la metà del Quattrocento da Alfonso V d'Aragona. Prima di allora l'accesso era possibile solo via mare attraverso una scala situata sul lato nord dell'isolotto. Il traforo è lungo 400 metri e il percorso è illuminato da alti lucernari che al tempo fungevano anche da \"piombatoi\" attraverso i quali si lasciava cadere olio bollente, pietre e altri materiali sugli eventuali nemici. Il tratto successivo è una mulattiera che si snoda in salita all'aperto e conduce fino alla sommità dell'isola. Da questa strada si diramano sentieri minori che portano ai vari edifici e giardini. Dagli anni settanta del novecento è anche in funzione un ascensore, il cui percorso è ricavato nella roccia e che raggiunge i 60 metri sul livello del mare.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1288\nCached time: 20170221151022\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.076 seconds\nReal time usage: 0.109 seconds\nPreprocessor visited node count: 764/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 17438/2097152 bytes\nTemplate argument size: 619/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 1/500\nLua time usage: 0.027/10.000 seconds\nLua memory usage: 1.53 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 92.157 1 -total\n 87.27% 80.421 1 Template:Infobox_struttura_militare\n 79.81% 73.552 1 Template:Infobox\n 22.30% 20.552 1 Template:Immagine_sinottico\n 12.67% 11.673 1 Template:M\n 10.82% 9.972 1 Template:Tutto_attaccato\n 10.34% 9.528 1 Template:Coord\n 4.74% 4.364 1 Template:Bandiera\n 4.26% 3.924 1 Template:M/Link_unità_di_misura\n 3.02% 2.784 1 Template:IsNumber\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Castello Aragonese (Ischia)\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Castello Aragonese (Ischia)"},{"id":"wk-2","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":422.6,"end":452},"art":"Forio","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/7/74/Forio-Stemma.png/80px-Forio-Stemma.png\"></div><br><div>\n\n<p><b>Forio</b> (conosciuto anche come <b>Forio d'Ischia</b>; pronuncia <i>Forìo</i>) è un comune italiano di 17.689 abitanti, della città metropolitana di Napoli in Campania.</p>\n\n\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Forio\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Forio"},{"id":"wk-3","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":664,"end":681},"art":"Procida","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/b/b9/Procida-Stemma.png/80px-Procida-Stemma.png\"></div><br><div>\n\n<p><b>Procida</b> (<i>Proceta</i> in napoletano) è un comune italiano di 10.614 abitanti della città metropolitana di Napoli in Campania. Il territorio comunale comprende interamente le isole di Procida e Vivara.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1227\nCached time: 20170221152308\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.340 seconds\nReal time usage: 0.417 seconds\nPreprocessor visited node count: 2734/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 27183/2097152 bytes\nTemplate argument size: 2881/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 17/40\nExpensive parser function count: 16/500\nLua time usage: 0.221/10.000 seconds\nLua memory usage: 7.48 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 386.683 1 -total\n 99.57% 385.013 1 Template:Divisione_amministrativa\n 28.55% 110.404 1 Template:Prefisso_telefonico\n 12.77% 49.372 7 Template:Controllo_Wikidata\n 6.63% 25.656 2 Template:Box_immagine\n 6.50% 25.127 1 Template:Minuscola\n 6.16% 23.808 2 Template:Immagine_sinottico\n 5.89% 22.772 1 Template:Coord\n 4.92% 19.034 2 Template:Divisione_amministrativa/DA\n 3.68% 14.231 8 Template:Wikidata\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Procida\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Procida"},{"id":"wk-4","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":63,"end":76},"art":"Gigantomachia","lang":"it","wiki":"<div>\n\n\n\n<p>La <b>Gigantomachia</b> (dal greco: <i>gigas</i> gigante e <i>makhē</i> battaglia) è la lotta che i Giganti ingaggiarono contro gli Dei dell'Olimpo, aizzati dalla loro madre Gea e dai Titani.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1226\nCached time: 20170221150905\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.028 seconds\nReal time usage: 0.041 seconds\nPreprocessor visited node count: 236/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 3815/2097152 bytes\nTemplate argument size: 1397/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 3/500\nLua time usage: 0.002/10.000 seconds\nLua memory usage: 513 KB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 26.650 1 -total\n 57.34% 15.281 1 Template:Nota_disambigua\n 49.09% 13.082 1 Template:Str_find\n 42.45% 11.314 1 Template:F\n 37.55% 10.008 1 Template:Avviso\n 18.39% 4.900 1 Template:Categorie_avviso\n 5.94% 1.582 1 Template:Icona_lavoro\n 4.18% 1.113 1 Template:Argomenti_avviso\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Gigantomachia\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Gigantomachia"},{"id":"wk-5","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":577,"end":588},"art":"Barano d'Ischia","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/9/96/Barano_d'Ischia-Stemma.png/80px-Barano_d'Ischia-Stemma.png\"></div><br><div>\n<p><b>Barano d'Ischia</b> (<i>Varànë</i> in napoletano) è un comune italiano di 10.118 abitanti della città metropolitana di Napoli in Campania.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1230\nCached time: 20170221152124\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.352 seconds\nReal time usage: 0.430 seconds\nPreprocessor visited node count: 2716/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 27257/2097152 bytes\nTemplate argument size: 2883/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 17/40\nExpensive parser function count: 15/500\nLua time usage: 0.237/10.000 seconds\nLua memory usage: 7.93 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 419.776 1 -total\n 92.33% 387.562 1 Template:Divisione_amministrativa\n 31.38% 131.724 1 Template:Prefisso_telefonico\n 10.09% 42.371 7 Template:Controllo_Wikidata\n 5.80% 24.353 1 Template:Minuscola\n 5.58% 23.428 2 Template:Box_immagine\n 5.18% 21.765 2 Template:Immagine_sinottico\n 4.50% 18.885 1 Template:Coord\n 4.37% 18.340 2 Template:Divisione_amministrativa/DA\n 3.21% 13.468 8 Template:Wikidata\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Barano d'Ischia\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Barano d'Ischia"},{"id":"wk-6","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":862,"end":873},"art":"Eneide","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/85/Virgilio.png/163px-Virgilio.png\"></div><br><div>\n\n\n\n<p>L'<i><b>Eneide</b></i> (in latino <i>Æneis</i>) è un poema epico della cultura latina scritto dal poeta e filosofo Virgilio tra il 31 a.C. e il 19 a.C., che narra la leggendaria storia di Enea, eroe troiano figlio di Anchise, fuggito dopo la caduta della città di Troia, che viaggiò per il Mediterraneo fino ad approdare nel Lazio, diventando il progenitore del popolo romano.</p>\n<p>Alla morte di Virgilio il poema, scritto in esametri dattilici e composto da dodici libri, rimase privo degli ultimi ritocchi e revisioni dell'autore; perciò nel suo testamento il poeta fece richiesta di farlo bruciare, nel caso in cui non fosse riuscito a completarlo, ma l'amico Vario Rufo, non rispettando le volontà del defunto, salvaguardò il manoscritto dell'opera e, successivamente, l'imperatore Ottaviano Augusto ordinò di pubblicarlo così com'era stato lasciato.</p>\n<p>I primi sei libri raccontano la storia del viaggio di Enea da Troia all'Italia, mentre la seconda parte del poema narra la guerra, dall'esito vittorioso, dei Troiani - alleati con i Liguri, con alcuni gruppi locali di Etruschi e con i Greci provenienti dall'Arcadia - contro i Rutuli, i Latini e le popolazioni italiche in loro appoggio, tra cui i Volsci e altri Etruschi; sotto il nome di Latini finiranno per essere conosciuti in seguito Enea e i suoi seguaci.</p>\n<p>Enea è una figura già presente nelle leggende e nella mitologia greca e romana, e compare spesso anche nell'<i>Iliade</i>; Virgilio mise insieme i singoli e sparsi racconti dei viaggi di Enea, la sua vaga associazione con la fondazione di Roma e soprattutto un personaggio dalle caratteristiche non ben definite tranne una grande religiosità (<i>pietas</i> in latino), e ne trasse un avvincente e convincente \"mito della fondazione\", oltre a un'epica nazionale che allo stesso tempo legava Roma ai miti omerici, glorificava i valori romani tradizionali e legittimava la dinastia giulio-claudia come discendente dei fondatori comuni, eroi e dei, di Roma e Troia.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1190\nCached time: 20170221153144\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.152 seconds\nReal time usage: 0.293 seconds\nPreprocessor visited node count: 495/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 7202/2097152 bytes\nTemplate argument size: 676/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 19/40\nExpensive parser function count: 1/500\nLua time usage: 0.092/10.000 seconds\nLua memory usage: 2.16 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 268.078 1 -total\n 84.16% 225.619 1 Template:Libro\n 50.38% 135.052 1 Template:Controllo_Wikidata\n 29.10% 78.015 1 Template:Infobox\n 7.99% 21.420 1 Template:Citazione\n 7.78% 20.861 1 Template:Nota_disambigua\n 7.42% 19.888 1 Template:Immagine_sinottico\n 6.88% 18.434 2 Template:Lingue\n 6.71% 18.000 1 Template:Str_find\n 6.02% 16.139 2 Template:Str_dopo\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Eneide\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Eneide"},{"id":"wk-7","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":903,"end":917},"art":"Giuseppe Garibaldi","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/5e/Giuseppe_Garibaldi_1861.jpg/194px-Giuseppe_Garibaldi_1861.jpg\"></div><br><div>\n\n\n<p><b>Giuseppe Maria Garibaldi</b> (Nizza, 4 luglio 1807 – Caprera, 2 giugno 1882) è stato un generale, patriota, condottiero e scrittore italiano.</p>\n<p>Noto anche con l'appellativo di \"<i>Eroe dei due mondi</i>\" per le sue imprese militari compiute sia in Europa sia in America Meridionale, è la figura più rilevante del Risorgimento e uno dei personaggi storici italiani più celebri al mondo.</p>\n<p>È considerato dalla storiografia e nella cultura popolare del XX secolo da essa influenzata, il principale eroe nazionale italiano. Iniziò i suoi spostamenti per il mondo quale ufficiale di navi mercantili e poi quale capitano di lungo corso al comando. La sua impresa militare più nota fu la spedizione dei Mille, che annesse il Regno delle Due Sicilie al nascente Regno d'Italia durante l'Unità d'Italia.</p>\n<p>Garibaldi era inoltre massone di 33º grado del Grande Oriente d'Italia (ricoprì anche brevemente la carica di Gran Maestro) e anticlericale e fu autore di numerosi scritti e pubblicazioni, prevalentemente di memorialistica e politica, ma anche romanzi e poesie.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1285\nCached time: 20170221153426\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.172 seconds\nReal time usage: 0.441 seconds\nPreprocessor visited node count: 914/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 18703/2097152 bytes\nTemplate argument size: 3915/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 9/40\nExpensive parser function count: 10/500\nLua time usage: 0.117/10.000 seconds\nLua memory usage: 5.46 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 420.214 1 -total\n 69.77% 293.184 1 Template:Bio\n 13.23% 55.585 1 Template:Carica_pubblica\n 7.40% 31.075 1 Template:Box_immagine\n 7.39% 31.053 2 Template:Immagine_sinottico\n 4.69% 19.709 1 Template:Infobox_militare\n 3.75% 15.761 1 Template:Cita_libro\n 3.67% 15.441 1 Template:Infobox\n 3.53% 14.819 1 Template:Nota_disambigua\n 3.02% 12.703 1 Template:Str_find\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe Garibaldi\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Giuseppe Garibaldi"},{"id":"wk-8","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":951,"end":962},"art":"Talete","lang":"it","wiki":"<div>\n\n\n<p><b>Talete</b> <b>di Milèto</b> (in greco antico: <span dir=\"ltr\" lang=\"grc\" class=\"polytonic\" xml:lang=\"grc\">Θαλῆς</span>, <i>Thalês</i>; Mileto, 640 a.C./625 a.C. – 547 a.C. circa) è stato un filosofo greco antico.</p>\n<p>È comunemente considerato, da Aristotele in poi, il primo filosofo della storia del pensiero occidentale.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1226\nCached time: 20170221153553\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.116 seconds\nReal time usage: 0.151 seconds\nPreprocessor visited node count: 356/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 4914/2097152 bytes\nTemplate argument size: 771/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 10/40\nExpensive parser function count: 2/500\nLua time usage: 0.075/10.000 seconds\nLua memory usage: 4.15 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 142.409 1 -total\n 61.64% 87.781 1 Template:Bio\n 18.27% 26.016 1 Template:Treccani\n 16.42% 23.389 1 Template:Cita_testo\n 13.00% 18.509 1 Template:Nota_disambigua\n 11.62% 16.554 2 Template:Str_find\n 5.12% 7.295 1 Template:Lang-grc\n 2.66% 3.789 1 Template:Greco\n 1.94% 2.765 1 Template:Lang\n 1.93% 2.747 1 Template:Wikidata\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Talete\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Talete"},{"id":"wk-9","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":976,"end":990},"art":"Gerone I","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/7e/Hiero_of_Syracuse_and_victors.jpg/260px-Hiero_of_Syracuse_and_victors.jpg\"></div><br><div>\n\n<p><b>Geróne</b> (in lingua greca Ιέρων) o <b>Ieróne</b> (... – Katane, 467 o 466 a.C.) è stato tiranno di Gela dal 485 o 484 a.C. al 478 o 477 a.C. e, successivamente, tiranno di Siracusa, fino alla morte.</p>\n<p>Figlio secondogenito di Dinomene di Gela, Gerone è noto per essere stato un abile mecenate: portò infatti alla corte aretusea alcuni tra i più grandi letterati in auge a quel tempo, tra i quali Pindaro ed Eschilo.</p>\n<p>Intraprese diverse battaglie come comandante dell'esercito siracusano, di cui la più nota è lo scontro navale di Cuma, avvenuto nel 474 a.C. in acque italiche contro gli Etruschi, sui quali riportò una importante vittoria, spesso interpretata come causa o concausa della definitiva crisi dell'antico popolo dell'Etruria.</p>\n<p>Alle falde dell'Etna Ierone rifondò Katane e la ribattezzò Aitna. Il centro divenne sul finire del suo governo la sua dimora fissa, tanto che il tiranno verrà soprannimanto da Eschilo \"Ierone l'Etneo\" e nel centro etneo morirà.</p>\n<p>Viene indicato come \"Gerone I\" per distinguerlo da Gerone II (o Ierone II), tiranno di Siracusa dal 270 al 215 a.C.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1221\nCached time: 20170221153716\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.072 seconds\nReal time usage: 0.103 seconds\nPreprocessor visited node count: 514/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 6281/2097152 bytes\nTemplate argument size: 1589/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 7/40\nExpensive parser function count: 1/500\nLua time usage: 0.038/10.000 seconds\nLua memory usage: 2.21 MB/50 MB\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 85.143 1 -total\n 51.56% 43.898 1 Template:Bio\n 46.53% 39.614 1 Template:Monarca\n 36.97% 31.477 1 Template:Box_immagine\n 34.78% 29.613 1 Template:Immagine_sinottico\n 4.00% 3.404 6 Template:Monarca/Titolo\n 1.79% 1.523 1 Template:Citazione\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Gerone I\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Gerone I"},{"id":"wk-10","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":996,"end":1007},"art":"Borbone","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/26/Blason_comte_fr_Clermont_(Bourbon).svg/100px-Blason_comte_fr_Clermont_(Bourbon).svg.png\"></div><br><div>\n<p>I <b>Borbone</b> sono una delle più importanti ed antiche case regnanti in Europa. Di origine francese, la famiglia è un ramo cadetto dell'antichissima dinastia dei Capetingi, che in seguito all'estinzione degli altri rami ereditò il trono di Francia nel 1589.</p>\n<p>Insieme agli Asburgo, è stata ed è tuttora una delle maggiori famiglie reali europee dal XVI secolo in avanti, dato che suoi esponenti hanno occupato, oltre a quello di Francia (1589 - 1792, 1814 - 1830 e 1830 - 1848) e di Navarra (1589 - 1791), anche i troni del Regno di Spagna (1700 - 1808, 1813 - 1868, 1874 - 1931, 1975 - oggi) del Regno di Napoli (1734 - 1806 e 1815 - 1816), del Regno di Sicilia (1734 - 1816), del Regno delle Due Sicilie (1816 - 1861), del Regno d'Etruria (1801 - 1807), del Ducato di Parma e Piacenza (1731 - 1735, 1748 - 1802 e 1847 - 1859), del Ducato di Lucca (1815 - 1847) e del Granducato del Lussemburgo (1964 - oggi).</p>\n<p>Alla famiglia dei Borbone appartengono alcuni dei sovrani che hanno maggiormente influenzato la storia del paese da essi governato, e quella europea in generale. Su tutti, vanno ricordati Luigi XIV di Francia, noto come il <i>Re Sole</i>, Filippo V di Spagna e Ferdinando II delle Due Sicilie.</p>\n<p>Attualmente, i Borbone rimangono la principale casa regnante d'Europa, dato che suoi membri reggono tuttora i troni di Spagna e del Lussemburgo.</p>\n\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1193\nCached time: 20170221153803\nCache expiry: 2592000\nDynamic content: false\nCPU time usage: 0.040 seconds\nReal time usage: 0.058 seconds\nPreprocessor visited node count: 169/1000000\nPreprocessor generated node count: 0/1500000\nPost‐expand include size: 6091/2097152 bytes\nTemplate argument size: 5379/2097152 bytes\nHighest expansion depth: 4/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n<!--\nTransclusion expansion time report (%,ms,calls,template)\n100.00% 7.363 1 Template:Casata\n100.00% 7.363 1 -total\n-->\n</div><a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Borbone\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Borbone"}]}

Ischia

 

Youdoc per Lipu

Le tue playlist

In questa area puoi vedere tutti i video che hai memorizzato e che ti sono piaciuti e puoi creare playlist personali.
Per accedere a questa area registrati.
Realizzato grazie al contributo del POR FESR Regione Lazio 2007-2013 – Asse I – Avviso Pubblico "Insieme x Vincere" – Prot. Domanda n.SVLAZ-SU-2012-1038 – Codice CUP n. F84E14000930007 e Avviso pubblico per la presentazione di progetti di innovazione delle micro e piccole imprese - Prot. FILAS-MI-2011-1343 del 3/8/2012 – CUP F87I1200233007
Sponsor